Tutti -o quasi- sono/siamo interessati a sfruttare la straordinaria occasione dell’ecobonus 2020.

I proprietari di casa, innanzitutto, perchè questi possono sfruttare il mega sconto per mettere mano ad edifici datati e spesso assai trascurati, ovviamente per motivi economici.

I professionisti tecnici seguono a ruota, perchè finalmente molti possessori di abitazione escono dall’inattività per diventare promotori del rinnovamento edilizio, diventano committenti e cercano un architetto, un ingegnere, un geometra o un perito!

Gli esecutori -imprese edili piccole e grandi, installatori di impianti (elettricisti, idraulici e via dicendo), specialisti di ogni lavorazione (dipintori, pavimentisti, serramentisti, ecc.)- dopo l’inattività dovuta al Corona virus vedono la possibilità di ritornare a lavorare, forse non come negli anni d’oro del boom edilizio ma sicuramente molto di più degli ultimi anni.

L’ecobonus però non è per tutti! L’occasione è dotata di potenzialità straordinaria ma non si può considerare priva di una serie di paletti. Le scelte del legislatore comprendono alcune limitazioni, tanto chiare quanto in certi casi non comprensibili.

Naturalmente i principali assunti sono facili da capire -e quindi trattati in questa stessa sezione- spesso però l’applicazione si mostra non agevole, necessitando l’operato di un buon professionista. E’ solo un bravo tecnico -architetto, ingegnere, geometra o perito- che può riuscire a coniugare il principio generale fissato con le norme al singolo caso.

Tra le verifiche da effettuare si ricorda di aver già posto l’attenzione su questi temi:

Nel tempo verranno aggiunti pure:

  • la tipologia delle opere realizzabili;
  • la tipologia degli edifici su cui intervenire;
  • la tipologia dei soggetti ammessi alla procedura;
  • il limite di spesa;
  • le modalità di recupero del vantaggio concesso;
  • il periodo entro il quale l’operazione deve essere effettuata;
  • le caratteristiche richieste agli operatori coinvolti (professionisti ed esecutori);
  • gli adempimenti da effettuare.

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *