Noi proponiamo di migliorare gli spazi abitativi, ricreativi, lavorativi, ricettivi e -quasi- di ogni altro tipo con particolare riferimento all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Lo facciamo applicando le nostre competenze pluridisciplinari, eseguendo l’analisi di quanto esiste, il progetto di quanto serve e la realizzazione degli interventi possibili sulla base del budget a disposizione.

Siamo quindi in grado di effettuare la fornitura di quanto vi serve (ad esempio un montascale), di redigere il progetto di intervento (anche da realizzare per stadi) e di effettuare il montaggio e/o la costruzione di quanto serve (piccolo o grande che sia).

Naturalmente vi affianchiamo in tutte le fasi in cui vorrete coinvolgerci, dalla più semplice consulenza iniziale alla scelta dei componenti, dalla progettazione all’ottenimento dei permessi, dalla fornitura alla costruzione e montaggio sul posto, comprendendo l’assistenza in molti aspetti, compresi i benefici fiscali ed anche i finanziamenti.

Ci interessiamo della maggior parte delle tipologie, edilizie e non, con le loro destinazioni d’uso:

  • ambienti pubblici (scuole, comuni, musei, luoghi di culto, ecc.),
  • strutture turistico-ricettive (alberghi, ristoranti, campeggi, bed & breakfast, ecc.),
  • manifestazioni ed eventi (sagre, fiere, concerti, ecc… ),
  • abitazioni (condominio, case singole, ecc.),
  • ambienti privati (assimilabili agli ambienti pubblici quali, ad esempio, studi medici, imprese soggette al collocamento obbligatorio, ecc.).

Potete perciò rivolgerci i vostri interrogativi o esprimere i vostri bisogni e desideri. Noi, se la cosa rientra nel nostro campo di azione, vi invieremo quanto serve per consentirvi di valutare il da farsi, si tratta della nostra proposta di massima, avente queste caratteristiche:

Siamo fermamente convinti che, in presenza di specifiche problematiche, non approfittare di questo servizio, che non vi impegna in alcun modo,  non possa che essere ritenuto un errore, come spesso accade a chi vuole far da se.

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *