Cartelli stradali

Massimo Meneghin cartelli stradali

Ce ne sono dappertutto, sono i cartelli stradali! Sono presenti anche dove non ci sono le strade, forse un semiologo potrebbe esserci d’aiuto.

Servono sicuramente ma sono orrendi, spesso irrispettosi del luogo in cui vengo collocati ed anche ritenendoli indispensabili più di qualcosa si potrebbe dire sull’effettiva funzione:

– è addirittura risibile che dopo un’infilata di cartelli indicatori se ne sia aggiunto uno più piccolo,in basso, diverso, evidentemente per aver scoperto che mancava l’indicazione principale!

– come si possono ripetere i cartelli che regolamentano la sosta solo perché è presente un accesso? per lo stesso motivo dovremmo ripetere tutte le indicazioni ogni 10 metri…

– quante volte troviamo ambigui cartelli che indicano una certa direzione a destra o a sinistra non facendoci capire se dobbiamo svoltare o andare diritti, passando semplicemente a lato del cartello!

– troppe volte le indicazioni sono tardive, ci dicono che avresti dovuto girare lì ma ormai è troppo tardi) mentre in altri casi ci suggeriscono di voltare a destra solo che prima della nostra strada a destra ce n’è un’altra che porta da tutt’altra parte….

Ovvio che l’elenco può continuare ma allora, senza generalizzare, quattro sono le possibilità: la totale incapacità di fare le cose più semplici, la vendetta di chi ha finalmente il modo di influenzare l’altrui comportamento, l’influenza dei produttori di navigatori che di vogliono convincerci dell’assoluta necessità di possedere i loro apparecchi oppure l’attività di chi ci vuole convincere che in auto non si può (o non di deve) circolare, per nessun motivo.

Perdonate l’ironia ma in questi casi non se ne può proprio fare a meno.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *