Burocrazia, la segmentazione

Massimo Meneghin burocrazia la segmentazione

La burocrazia è quel sistema di controllo che si basa sull’applicazione di norme, ed il relativo controllo.

La cosa è ritenuta tanto importante da essere stata applicata -ed ha quindi messo radici- pressoché senza lasciar scoperto alcun settore: codice civile e codice penale in primis ma a ruota codici di questo e di quello, norme tecniche, testi unici (che però sono più di uno…), leggi nazionali e regionali, decreti presidenziali e ministeriali, ordinanze sindacali e via dicendo. E che non si dimentichino le circolari, che non sono leggi ma vincolano l’operato degli uffici, e nemmeno i pareri quadro, forse trattano di geometria, ma nessuno ne è certo…

Già il numero delle prescrizioni è enorme e dovrebbe spaventare chiunque debba operare, visto che è impossibile rispettare tutte quelle norme, di molte  delle quali nemmeno si riesce a conoscere l’esistenza…  ma ancor peggio succede quando diverse indicazioni hanno per oggetto lo stesso fabbricato ed impongono cose proibite da altra norma, che spesso ribalta la situazione, negando ciò che è concesso da altre leggi ma, naturalmente, consentendo cose di cui non abbiamo bisogno.

Potremmo chiamarla segmentazione della burocrazia. Bel termine per nascondere la realtà: detta così, infatti, sembra che tutto vada per il meglio. Nulla a che vedere, invece, con i frattali, siamo noi ad essere statti segmentati e trasformati in frattaglie!

 

autore: Massimo Meneghin

Una risposta a “Burocrazia, la segmentazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *