Pensare di farsi le mappe gratis

Massimo Meneghin farsi le mappe gratis

Per conoscere il territorio bisogna esplorarlo, misurarlo e rappresentarlo.

La storia dei catasti lo dimostra assai bene, e l’evoluzione degli strumenti e delle tecniche di misura hanno reso possibile a noi oggi di conoscere molto della nostra storia ma allora il possesso di tali forme di conoscenza ha dato una notevole spinta verso il reale progresso.

Oggi abbiamo strumenti a dir poco straordinari, si pensi ai sistemi di rilievo satellitare ma anche alle stazioni 3d, che in pochi secondi misurano migliaia di punti e restituiscono un disegno in tre dimensioni dove si possono perfino misurare -sul disegno- punto per punto i più piccoli difetti della muratura.

Quale uso facciamo a livello istituzionale di tale opportunità? Non molto, per la verità. O forse non colgo la grandezza delle innovazioni introdotte…

Fino a qualche decennio fa, non perciò quando a Roma c’era Giulio Cesare, dopo che squadre di bravi tecnici avevano provveduto a rilevare una serie di punti notevoli si inserivano i fabbricati appoggiandosi a elementi noti riferiti a questi caposaldi.

Oggi il principio è rovesciato, ogni tecnico che accatasta deve riferire il fabbricato a punti detti fiduciali (già il nome è tutto un programma…) distanti alcune centinaia di metri.

Tecnicamente si ritiene che una volta acquisita una serie di rilievi poggianti su una maglia di triangoli questi possano essere uniti e formare l’insieme. Si tratta del procedimento esattamente opposto a quello seguito un tempo, per cui verrebbe da pensare che qualcuno sbagli grosso, i vecchi agrimensori non erano certo sprovveduti!

Lo scopo della procedura odierna è ovviamente quello di formare a posteriori le nuove banche dati, cioè farsi le mappe a gratis, senza costi per la collettività e tutti sappiamo quanto ci costano le pensate che istituiscono operazioni a costo zero!

 

autore: Massimo Meneghin

 

Una risposta a “Pensare di farsi le mappe gratis”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *