Massimo Meneghin acquisire crediti formativi

E’ noto e risaputo: ci sono persone che non si sono mai aggiornate.

Non è scandaloso, dipende dal periodo, tempo fa -ad esempio- non c’era alcun bisogno di farlo, visto che l’evoluzione della scienza e della tecnica era talmente lenta che tra una generazione e l’altra la differenza era ridotta ad una sfumatura, spesso a favore della più datata.

Oggi, manco a dirlo,  è tutto diverso.

Tutto trasla, il cambiamento è continuo e sostanziale. Non parliamo della sola tecnica -e quindi di potenza di elaborazione o di stoccaggio dei dati, come negli elaboratori- ma di ogni cosa, eremiti -e solo loro- esclusi.

Tralasciamo, quanto meno per ora, l’aspetto culturale, su cui non si potrà che tornare, per vedere l’influenza sul concreto: i professionisti debbono aggiornarsi. Chi potrebbe sostenere il contrario? La normativa, compresa quella tecnica,  è molto cambiata (ma si studia a “scuola”? perché in caso contrario chi l’ha imparata da se continuerà a fare così…) ed anche molti degli altri aspetti (ovvio, “tutto scorre” diceva un greco che non ha avuto alcun ruolo nelle recenti crisi del suoi paese…).

In chiusura, ancora una volta è un problema di modo, i ragionamenti banali e lineari (quelli che tutti capiscono) non portano in alcun luogo, però l’organizzare corsi cui vengono attributi crediti formati diversi non può che squalificare l’intero sistema delle professioni!

 

autore: Massimo Meneghin

 

 

Un pensiero su “Acquisire crediti formativi

  • 30 aprile 2015 alle 15:51
    Permalink

    #crediti formativi diversi per per lo stesso corso, di certo qualcosa non torna! forse tutto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *