Annichilire la storia dell’arte

Massimo Meneghin annichilire la storia dell'arte

Il paese del futuro si progetta anche con la scuola e stabilire che una materia come la storia dell’arte debba scomparire è un chiaro segnale.

Già tempo addietro più di qualcuno ai massimi vertici istituzionali affermò che “con la cultura non si mangia” (il che è un errore colossale anche dal punto di vista economico), non risulta che alle recenti elezioni siano molti i partiti che abbiano inserito nei loro programmi anche solo un accenno alla cura del patrimonio artistico (qualcuno ricorda una promessa che non fosse su abbassamento delle tasse e creazione di posti di lavoro per decreto e simili capolavori?), la storia del ministero del turismo è esemplare (specie quando nemmeno esiste…).

Del tutto evidente come l’argomento non interessi ed anzi si ritenga che i numerosi e gravi problemi che ci affliggono possano essere risolti in altro modo.

Personalmente ritengo che persone incapaci di comprendere l’importanza di quanto sopra siano grette ma soprattutto debbano essere allontanate ed anzi private di ogni ruolo decisionale.

Posso sbagliare è ovvio però alcune risposte sembrano ovvie, quanto meno dal punto di vista economico:

– il nostro è definito “bel paese” per il governo che si ritrova?

– i turisti che vengono qui da tutto il mondo hanno lo scopo di fare da bersaglio ai piccioni?

– avendo, pur senza merito, la famosa gallina dalle uova d’oro cosa c’è di meglio che ucciderla, nemmeno per mangiarla ma per inedia, lasciando marcire la carcassa?

 

autore: Massimo Meneghin

Una risposta a “Annichilire la storia dell’arte”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *