Attribuire significati fuori luogo

Massimo Meneghin attribuire significati fuori luogo

Progettare è, come sappiamo, l’attività di pre-figurazione di quello che non c’è, per questo è così complessa: già è difficile “vedere” quello che esiste, figurarci “immaginare” quello che ancora non c’è. Ed ovviamente che sia possibile, anzi dando le indicazioni per la effettiva realizzazione.

Quante sono le possibili scelte? Infinite, visto che dobbiamo confrontare tutto quello che conosciamo al caso specifico, ma non basta. Oltre alle soluzioni note ci sono quelle che per quanto a noi sconosciute sono state praticate da altri ma possiamo aggiungere pure quelle elaborate per l’occasione, peraltro i soli veri e propri progetti.

E’ da questa difficoltà che scaturisce l’elaborazione di linee guida che ci aiutino, da buoni occidentali, a dare un senso al nostro operare, che potremmo pure definire come l’attività che produce l’attribuzione di significati, purtroppo spesso fuori luogo.

Complesso è l’argomentare sul tema, quanto meno potremmo disquisire sul ruolo che ha la riconoscibilità. Esagerando per chiarezza: spesso vengono riproposte cose note, al posto delle nuove, proprio perché vengano riconosciute. Con buona pace di concetti abusati quali innovazione e creatività, di cui evidentemente basta parlare.

Il processo però si spinge oltre, i nostri “principi” vengono proiettati (cioè progettati) su tutte le cose che ci circondano, per farci ritrovare quello che vogliamo, anche quando in tutta evidenza il da farsi dovrebbe basarsi su altri principi.

Il concetto sembra astruso ma è in realtà assai semplice ed un esempio lo può esemplificare molto bene: le casette per i pennuti. Chi può affermare che davvero siano costruite per loro, visto la forma che hanno?

 

autore: Massimo Meneghin

2 risposte a “Attribuire significati fuori luogo”

  1. Lasciami citare un oggetto che piace tanto a te ed a me e che senz’altro è stato pensato non certo per i pennuti ma per l’uomo: la bicicletta che, sostanzialmente, è sempre la stessa, da sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *