Comperare un like

Massimo Meneghin comperare un like

Non poteva essere altrimenti: in un mondo in cui tutto è fasullo anche il nuovo non può che adeguarsi.

Ci sono eccezioni, è vero ed ovvio, ma -come nel proverbio- non fanno che confermare la regola. Questa prevede che siano false le domande che i giornalisti fanno ai politici, falsi sono gli applausi che vediamo negli spettacoli trasmessi in televisione e falsi non possono che essere i risultati che vediamo su internet.

Ci sono aziende che garantiscono la prima posizione sui motori di ricerca, non perché il vostro prodotto o servizio lo meriti ma perché avete pagato il servizio specifico. Non è così diverso dalla pubblicità, anzi è una forma di questo tipo. Mostrare nel miglior modo è una cosa, barare è però un’altra cosa…

Nel mondo social è diverso. Anzi dovrebbero essere networks in cui si condivide, si rende noto di tutto un poco, all’insegna dell’autenticità. Circolazione di informazioni, pareri, commenti di ogni tipo, apparentemente non filtrati. Lo strumento è sicuramente straordinario, ed il numero dei partecipanti non fa che sottolinearlo.

Ed ecco che -come sempre- fatta la legge trovato l’inganno. L’autorevolezza, il successo, l’influenza o comunque si chiami il valore di un membro viene misurato dalle risposte positive che la stessa rete fornisce. Nel caso di facebook possono essere il numero di likes, cioè gli apprezzamenti che altri membri danno ai nostri posts. Chi non ne ha nemmeno uno dovrà chiedersi se non scriva solo per se stesso, chi ne ha molti ha sicuramente seguito nella rete.

Analogo il numero di followers su twitter e via dicendo, come analogo alla posizione sui motori è l’apprezzamento, basta pagare. Ci sono aziende che vendono, anche in offerta speciale, likes e followers.

Pensierino conclusivo: se si tratta di aziende è una strategia commerciale, falsa come succede in molti altri casi cui purtroppo siamo abituati, se si tratta di persone è ben più grave, devo scrivere perché?

 

autore: Massimo Meneghin

 

 

2 risposte a “Comperare un like”

  1. Quello che spieghi sconvolge soprattutto le persone anziane come me per il fatto in se medesimo di falsità di quei risultati che ci appaiono importanti mentre invece sono fasulli o, ancor peggio, comprati ma soprattutto per un’altra ragione: lo sapevamo tutti ma non ce ne rendevamo conto!
    Io credo che questo sia un castello di carta che tra breve crollerà miseramente perché l’alternativa è un peggioramento della società così grave da non essere giustificato: la moderna società deve riuscire a trarre soprattutto benefici dal progresso riuscendo ad evitarne i danni, primi fra tutti quelli che ci rendono una massa di stupidi creduloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *