Contest o incarico?

Massimo Meneghin contest o incarico 1

Le regole del mercato sembrano essere ridotte ad una sola: non ci sono regole!

La competizione è elevata, piaccia o meno, la contrazione del mercato e l’aumento degli operatori va in direzione opposta al famoso e tanto cercato incontro tra domanda e offerta, che sembra non poter che aver luogo ribassando i prezzi!

Tutto ciò premesso come avviene la scelta?

Un aiuto ci viene dalla lettura dei siti di chi si propone online e descrive il proprio operato, confrontandolo esplicitamente con chi si muove diversamente.

Vogliamo fare un riassunto o solo qualche esempio, sulla base di chi suggerisce il contest, cioè mettere in palio pochi euro per raccogliere più progetti compensando solo quello scelto?

Letteralmente i vantaggi “garantiti” dell’architetto online sono così descritti:

notevole scelta, come se il progetto fosse ne più che meno che un prodotto da scegliere sugli scaffali di un supermercato…

tempi ridotti: in una settimana solo dalla rete possono piovere progetti, evidentemente ritenendo tempo perso quello che l’operatore tradizionale fa, ad esempio per il sopralluogo, la verifica della documentazione fornita e via dicendo…

costi limitatissimi: tanto da doversi chiedere se siamo in presenza di benefattori, in un caso, e di ladri, nell’altro, o ci sia dell’altro, che evidentemente sfugge…

Bello, sicuramente, se funziona: il committente spende poco e i “nuovi” progettisti hanno molto lavoro. Non è però da escludere -anzi- che si ripeta quanto abbiamo visto con le attestazioni energetiche a basso prezzo, con la differenza che quelle sono documenti da allegare ai contratti, quindi carte su carte, i progetti invece devono essere realizzati.

La cosa è del tutto diversa.

Massimo Meneghin contest o incarico 2

autore: Massimo Meneghin

Una risposta a “Contest o incarico?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *