Archivio file

Marcello Meneghin archivio file

L’ORGANIZZAZIONE DELL’ARCHIVIO PERSONALE

Noto che ognuno di coloro che, ben consci delle mille utilità che ne ricavano, usano molto il computer devono poi spendere un tempo enorme per mettere a posto il lavoro fatto eliminando tutti i files superati e conservando, catalogati a dovere, quelli utili. Se fatto bene, di tratta di un lavoro immane.

Mi sorge un interrogativo: se sussistono possibilità enormi e a buon prezzo di archiviazione di un immenso numero di files siamo sicuri che la procedura citata sia necessaria o non esista un mezzo per evitarla? Penso ad esempio a spendere il proprio tempo una sola volta per organizzare una sofisticata e pratica strategia di procedura, scegliendo bene i capitoli di ogni tipo di attività, capitoli da suddividere ad albero ramificato in base alle caratteristiche principali del lavoro e quindi da suddividere ancora ad albero in base ai nomi degli interessati e così via fino ad arrivare all’ultima cartella del ramo che individua il lavoro specifico nella quale cartella finalmente memorizzare tutti i files. Dico tutti, nessuno escluso, però con la specificazione del loro ordine in modo da capire qual’è quello valido, normalmente l’ultimo in ordine di tempo. Da notare come in fatto di organizzazione degli archivi esistono numerosi metodi già sperimentati e spiegati su internet.

A me sembra che questa modalità, facilitata come dicevo dalle grandissime possibilità di memorizzazione oggi a portata di tutti, farebbe risparmiare moltissimo tempo. Inoltre l’aver in archivio tutti i files ben catalogati alle volte rappresenta un vantaggio ad esempio per rivedere una versione superata del lavoro, per ricuperare dati che sono stati soggettivamente sostituiti. Ovviamente in questa archiviazione non vanno dimenticati gli ottimi applicativi come evernote, onenote ecc che rendono facile sia l’archiviazione che la ricerca anche tramite tag o altri metodi.

Il punto interrogativo è solo questo: vale la pena di conservare tutti i files per risparmiare tempo nella eliminazione di quelli sorpassati?

Gradirei un parere al riguardo.

autore: Marcello Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *