Certificati veri e certificati falsi

Massimo-Meneghin-certificati-veri-e-certificati-falsi

L’importanza di stabilire la qualità in modo “certo” ha generato il processo di certificazione che, lo vediamo ogni giorno, interessa un numero sempre maggiore delle nostre attività.

Nelle costruzioni la cosa ha una lunga storia, ogni opera viene sempre più verificata e dichiarata conforme a standard sempre più severi. All’inizio si certificava la sola conformità dell’eseguito al progetto approvato, poi la bontà delle strutture, quindi degli impianti e ora dei consumi energetici.

Fatta la legge trovato l’inganno, dice il proverbio, certificati veri e certificati falsi, dice la realtà.

Anche le verifiche compiute da associazioni o enti autorevoli hanno smascherato la falsità di molti certificati e, quanto meno, un paio di domandine vien voglia di porsele.

Se è meglio un fabbricato di qualità con la certificazione -veritiera- delle sue caratteristiche che una costruzione di bassa qualità che la stessa attestazione -se veritiera- non può ottenere, che cosa condividiamo sui casi intermedi: meglio un fabbricato di alta qualità senza certificato o un fabbricato di bassa qualità certificato oltre il dovuto?

Palese che la certificazione fasulla serva a far acquisire valore oltre quanto è lecito (l’edificio in classe energetica A che dovrebbe stare in B o in C), sperando che l’acquirente non se ne accorga… Ma chi compera pagando la possibilità di risparmiare non si accorge che così non è? E a scoperta avvenuta non fa proprio nulla?

Chiudiamo con la certificazione delle strutture: quanto è opportuno dichiarare staticamente idonei fabbricati che non lo sono?

Il committente che acquista un collaudo statico, anche strapagandolo, risparmia più di quello che gli costerebbe  eseguire le opere in modo corretto, un affare verrebbe da dire, ma quando succede quello che non può che succedere, specie se con lui stesso all’interno del fabbricato, a quanto ammonta il risparmio?

Se -evidentemente- il quesito è troppo difficile per noi, chiediamolo ad un bambino!

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *