Costruire e demolire

Massimo Meneghin costruire e demolire

Costruire e demolire sono uno il contrario dell’altro.

Nella prima sembra esserci positività, nell’altra la negazione.

Siamo abituati a ritenere di valore il fare, l’aggiungere, il raggiungere lo scopo, cioè il comportarsi come si fa quando si costruisce.

Di nuovo, demolire il lavoro altrui, il pensiero di chi è diverso o la cultura sono considerati -al contrario- indegni di un paese civile.

Nel nostro ambiente non è così diverso. Si fa, si aggiunge, si sopraeleva, al massimo si demolisce per rifare doppio. Non basta arrivare alla saturazione in orizzontale, la vogliamo pure in verticale.

Il risultato è stato un certo benessere a fronte del rovinare ambienti di valore inestimabile, nel piccolo e nel grande.

Di rimozione di parti “indescrivibili” non si può nemmeno parlare, nemmeno se si tratti di costruzioni sulle pendici del vulcano o nell’alveo del fiume. Si tratta di aree generalmente di notevolissimo valore paesaggistico ed altrettanto elevato pericolo, come è tollerabile qui un edificio di bassissima qualità? Come si può ritenere che il problema sia spillare quattro soldi di tasse, magari per sanarlo, e dopo come fornirgli  i costosissimi servizi?

Si dice che non si deve più costruire, ma potrebbe non bastare. Serve, infatti, una strategia di demolizione e forse è utile specificare che si parla di fabbricati non della politica di distruzione sociale in atto, quella è un’altra cosa!

 

autore: Massimo Meneghin

 

 

Una risposta a “Costruire e demolire”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *