Progetto arredamento

Massimo-Meneghin-progetto-arredamento

L’arredamento degli spazi viene di solito considerato corrispondente alla disposizione del mobilio, pur se sono cose diverse, sarebbe perciò più corretto chiamarlo ammobiliamento.

Questa fase di prassi viene affrontata per ultima, quindi ad edificio completato ed appena prima che avvenga l’ingresso dei fruitori negli edifici, pertanto la collocazione dei componenti di arredo non dovrebbe comportare alcun intervento murario e/o impiantistico mentre la realtà ci mostra, spesso e purtroppo, il contrario.

Avere uno spazio di qualità -o, se si preferisce, di maggiore qualità- richiede la progettazione di tutti gli aspetti concernenti gli spazi, non solo le strutture, la disposizione  dei vani, e così via per cui tutto dovrebbe essere progettato fino agli aspetti di dettaglio. Anche quello che nominiamo progetto arredamento dovrebbe essere effettuato contestualmente agli altri progetti di tipo specialistico, quindi prima della costruzione.

Potremmo per questo dire che, in parole povere, il progetto dovrebbe essere uno solo e comprendere -semplicemente- tutto. Se progettiamo così l’edificio, nuovo o ristrutturato che sia, avrà qualità sicuramente maggiore, di molto, ed otterremo pure la riduzione dei costi e dei tempi complessivi, altri aspetti sicuramente non trascurabili.

Per questo motivo è consigliabile la progettazione integrata, quella che considera fin dall’inizio le esigenze delle ultime fasi.

autore: Massimo Meneghin

Una risposta a “Progetto arredamento”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *