Progetto esecutivo

Massimo Meneghin progetto esecutivo

La specificazione delle idee progettuali, stabilite in precedenza nel progetto preliminare e già formalmente determinate nel progetto definitivo, una volta sviluppate fino a renderle effettivamente realizzabili costituisce il progetto esecutivo.

Come appare chiaro non può che trattarsi di un insieme di rappresentazioni, essenzialmente grafiche ma non esclusivamente di questo tipo, effettuate dopo aver compiuto tutte le verifiche ed i calcoli del caso. Il progetto esecutivo propriamente detto deve perciò essere in grado di descrivere in modo inequivocabile tutte le opere da eseguire, ciascuna nelle proprie caratteristiche, sia dimensionali che qualitative. Per fare un esempio, non solo la sezione della trave ma pure il tipo di materiali (tutti!) da utilizzare ed il disegno delle armature in metallo (una per una, posizione compresa!).

Troppo spesso in cantiere abbiamo assistito alla messa in atto di soluzioni di ripiego, per non dire di peggio, a seguito del mancato sviluppo preventivo della progettazione, che non è stata evidentemente spinta fino a questo grado di dettaglio, ed i cui risultati proprio per questo motivo sono carenti se non del tutto insufficienti.

Palesemente un vero progetto esecutivo è la summa della progettazione specialistica di ogni settore, integra perciò la progettazione architettonica con quella strutturale ed impiantistica, potendo così operare anche tutte le verifiche legate alla compresenza ed alla soddisfazione di problematiche di tipo diverso e che necessariamente devono convivere.

 

autore: Massimo Meneghin

 

Una risposta a “Progetto esecutivo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *