Recupero di calore dal sole

Massimo Meneghin recupero di calore dal sole

Il sole ci illumina e ci riscalda, come ben sappiamo, e da qualche tempo siamo in grado di captare il calore che ci viene dato dai raggi solari che ci colpiscono. Per questo vengono posti sulle coperture degli edifici, ma a volte pure sulle pareti e li abbiamo visti pure a terra, specifici pannelli che formano l’impianto denominato comunemente “solare termico” e che ha lo scopo di fornire calore da usare generalmente per il riscaldamento degli ambienti e dell’acqua calda sanitaria.

Sostanzialmente i pannelli che vediamo in numerosissime coperture fanno scorrere del liquido che si riscalda quando viene esposto al sole e trasporta questo calore all’interno, scambiandolo con l’impianto termico. Il nostro, non dimentichiamolo, è chiamato il paese del sole!

Il recupero di calore dal sole porta numerosissimi vantaggi, assai cospicui se l’operazione avviene all’interno di una strategia complessiva, sia dal punto di vista della riduzione dell’inquinamento -e quindi della salubrità dell’ambiente in cui trascorreremo il nostro tempo- che da quello economico -forse più banale ma non meno importante, specie al giorno d’oggi!

Il motivo è banale, legato all’utilizzo nell’impianto termico di acqua già calda, anche se non in modo sufficiente allo scopo, così da ridurre lo sbalzo termico da superare e quindi diminuendo il funzionamento della caldaia, specie quando siamo in presenza di impianti che funzionino a bassa temperatura, come quelli radianti. Lo stesso riguarda l’acqua calda sanitaria, immagazzinata quando disponibile ed utilizzata quando serve.

Infine, l’energia termica, fornitaci gratuitamente dal sole, non provoca inquinamento di alcun tipo ed è rinnovabile!

 

autore: Massimo Meneghin

Una risposta a “Recupero di calore dal sole”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *