Planimetria di progetto

Non si può certo trattare un argomento vasto come la progettazione in un articoletto, anche limitarsi ad elencare alcuni principi come fossero ricette sarebbe ingiurioso, meglio quindi fare un solo accenno, che naturalmente nemmeno affronta la complessità dell’argomento: progettare è l’attività che sviluppa, letteralmente gettando in avanti, quanto ideato nelle prime fasi, relazionandolo al caso reale e descrivendo tutto quanto sarà necessario per renderlo effettivamente eseguibile. Semplice no?

Al contrario la cosa è e rimane assai complessa, pur se nel tempo gli strumenti e tecniche di ausilio si sono molto raffinate ed evolute, dalla geometria descrittiva ai processi di calcolo, specie se assistiti dall’elaboratore elettronico, che ha ridotto i tempi di sviluppo e consente simulazioni fino a poco tempo fa impensabili.

Diciamo perciò che un buon progetto dovrebbe riuscire a dare soluzione alla domanda posta, consentendo di pre-vedere quello che si andrà a realizzare, facendo sì che il processo sia senza incognite e che il risultato sia conforme alle aspettative.

Se tutto ciò è vero, e lo è, da una parte vi è la parte tecnica, quella che applica le conoscenze teoriche per far si che le specifiche problematiche costruttive abbiano soluzione, dall’altra vie è la capacità di fornire risposte a bisogni che di certo non sono tecnici, ad esempio la qualità dell’abitare.

Concludendo una piccola provocazione: meglio (o peggio) una soluzione straordinaria-ad esempio nell’articolazione degli spazi- ad un problema abitativo complesso ma realizzata nel concreto con modalità di qualità tanto bassa da rasentare il crollo oppure un’edificio staticamente ed impiantisticamente ineccepibile in cui però non riusciamo fisicamente a stare per la bassa qualità degli spazi?

La domanda è retorica ma – credo- evidenzia la necessità di affrontare tutti gli aspetti ed elaborare soluzioni non settoriali: non il ridurre il progetto al soddisfacimento dell’obbligo di legge per ottenere il permesso di costruire ma la progettazione integrata.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *