Massimo Meneghin diario di un osservatore stanco

Che dire al nostro diario del quotidiano in termini di arte, luoghi e curiosità? Ad esempio di certi eventi in cui labile è il confine e più di qualcuno si chiede: arte o marketing?, o certi altri che non sappiamo se sono alternativi o commerciali, se quello che vediamo sono belle o brutte copie? ma anche come non notare -semplicemente guardando- il nostro ambiente fatto di alberi arrugginiti, battaglia tra vecchio e nuovocondominio signorileparcheggio alla Mondrianparcheggi riservatisegni inequivocabili, vecchi sistemi, cimiteri del passato, riti sull’acqua, camminare sull’acqua in cui di domandiamo se quello che vediamo è fare o mostrare il fotovoltaico oppure cosa è nato prima… e -all’opposto- le città da vivere o contemplare?, cittadini doc, i segni di multietnicità ed i segni sul terreno, ridere nel traffico ma anche immagini reduci, affissioni incoerentisimilitudini urbanesuonare per chi?, Padova anno 2016 Venezia dentro e fuori, Venezia si rispecchia, false prospettive a Venezia, soste a VeneziaPalladio di notte, risorse nascoste,  …

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *