Massimo Meneghin fare o mostrare il fotovoltaico

Fotovoltaico nei massi…

 

autore: Massimo

13 pensieri su “Fare o mostrare il fotovoltaico?

  • 6 aprile 2016 alle 07:52
    Permalink

    Che brutta scelta. Come si fa a rendere pessima una cosa così utile?

    Rispondi
  • 6 aprile 2016 alle 08:38
    Permalink

    Mi sembra un’ottima idea, magari non bellissima, ma utile. Tanto mica sono dei sassi antichi da preservare!

    Rispondi
  • 6 aprile 2016 alle 09:41
    Permalink

    Tre pannellini, che ci accendi? La TV?

    Rispondi
  • 6 aprile 2016 alle 09:43
    Permalink

    Con tre moduli a 90° si può produrre poco. La spesa, l’effetto estetico ed il risultato rendono l’intervento inutile.

    Rispondi
  • 6 aprile 2016 alle 14:27
    Permalink

    …Aiuola della rotatoria sponsorizzata… da quello che mi è stato detto…

    Rispondi
  • 7 aprile 2016 alle 15:18
    Permalink

    Questa foto rappresenta i pannelli solari nella loro illusione (aver finalmente realizzato il moto perpetuo) e nella loro cocente realtà (essere per la maggior parte un colossale bluff).

    Rispondi
  • 7 aprile 2016 alle 15:58
    Permalink

    I moduli fotovoltaici non sono un bluff se si conoscono e si sa come impiegarli.
    Adoperati casualmente è come usare una Porsche per fare la spesa.

    Rispondi
  • 7 aprile 2016 alle 22:42
    Permalink

    Il guaio è proprio quello: in Italia sono tutti usati a caso senza un piano di coordinamento generale: centinaia di migliaia tutti a casaccio sia nella costruzione sia nella loro utilizzazione. Inoltre si possono trarre giudizi soltanto a fine periodo, smaltimento compreso.

    Rispondi
  • 8 aprile 2016 alle 00:07
    Permalink

    Condivido la prima parte. Circa il fine periodo, altrove il fotovoltaico è adottato da oltre 30 anni dando i suoi dati ben precisi.

    Rispondi
  • 8 aprile 2016 alle 05:56
    Permalink

    LA FAMOSA REGOLA DEL FARE A CASO.

    Fotovoltaico

    Un comune della provincia di Belluno ha costruito (con i nostri soldi) un grande impianto di produzione di energia elettrica con pannelli solari. La regola del titolo li ha ubicati ai piedi ed a nord di una alta catena montuosa la quale nella stagione autunno-invernale quando il sole è basso proietta la sua ombra proprio nella zona dei pannelli solari annullandone la produzione per mesi. Nella foto si vedono i pannelli in ombra ed i monti vicini illuminati da un sole cocente. E uno dei mille esempi della totale mancanza di una programmazione seria degli impianti e dello sfruttamento dell’energia prodotta.

    Rispondi
  • 8 aprile 2016 alle 15:07
    Permalink

    Display del fotovoltaico

    Il bluff totale! Per far rilevare a tutti l’enorme successo del grande impianto di pannelli solari i protagonisti hanno esposto di fianco al Municipio del paese del bellunese di cui sopra un grande pannello che riporta in tempo reale i dati di funzionamento. Peccato che da almeno sei mesi segni in continuazione produzione pari a ZERO! Una soddisfazione immensa per tutti!

    Rispondi
  • 8 aprile 2016 alle 15:10
    Permalink

    Qui ci sta bene l’immagine della montagna che mette in ombra tanto “savoir faire” pannelli solari compresi!

    Fotovoltaico in ombra

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *