Un pensiero su “Intervenire sull’esistente

  • 23 gennaio 2014 alle 16:51
    Permalink

    Le nuove costruzioni dovrebbero essere supervisionate da tecnici esterni al cantiere con l’obbligo che vengano garantite e rispettate tutte le clausole e normative di legge per il contenimento energetico.
    Questo non viene fatto per un’infinità di motivi, primo fra tutti per una forma di correttezza verso il collega che ha svolto e redatto il progetto.
    I costruttori si sa quel che sono, ma nel momento che si presenta il progetto al comune per ottenere
    la concessione di edificare, tecnici comunali dovrebbero far rispettare le regole costruttive non solo per la certificazione energetica ma anche la staticità dell’edificio stesso. Lavorando per edifici
    popolari, qualche tempo fa, ho avuto modo di assistere a forte discussioni tra l’impresa ed i direttori dei lavori, motivo il non rientro economico stabilito nella prima fase del costruire.
    Quando un edificio di nuova costruzione crolla spesso la responsabilità è di tutti e di nessuno.
    (Lasciamo) il caso sisma da suddividere fra i tecnici per il controllo della stessa stabilità dell’edificio.
    La certificazione energetica segue purtroppo un iter particolare: il costo, la qualità dei materiali impiegati, l’esecuzione dell’opera, la capacità dei tecnici progettisti, spesso esenti dalla verifica durante l’esecuzione dell’opera, e la verifica al momento del collaudo da parte dei tecnici comunali o del genio civile. Per quella santa esperienza fatta sui cantieri, possiamo dire che per tante cose ci si passa sopra.
    ………………………………………………………………………………………
    Il pubblico, almeno quello, dovrebbe essere garantito.
    Ma questo non avviene perché? Perche ogni anno assistiamo ad eventi catastrofici: franano montagne intere, alluvioni, esondazioni dei fiumi dei torrenti, con morti e feriti ?
    ……………………………………………………………………………………
    L’Italia ha stimabilissime figure professionali, che possono assicurare, sia la stabilità, che l’applicazioni di alcuni requisiti, per rendere il corpo di fabbrica efficiente e funzionale dal punto di vista di dispersone termica, di contenimento energetico, e di produzione eventuale di energia.
    …………………………………………………………………………………….
    Penso a quanti corpi di fabbrica avrebbero necessità di essere tutelati , non dimentichiamo che questo paese è vecchio, una controllatina fatta.
    Tecnici, liberi professionisti, costruttori, abbondano.
    Ci dovremmo organizzare meglio, ed avere più rispetto verso questa mirabile professione.
    ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *