Massimo Meneghin associazioni

L’associazionismo non è certo un fenomeno nuovo. Mettersi insieme consente di condividere, infatti, interessi comuni. Dalla più semplice ed innocua della passioni al suo contrario.

Per quanto più ci interessa non mancano i gruppi di persone che perseguono un interesse comune degno di nota.

I risultati in alcuni casi sono pure degni di nota, anche perché il singolo -ognuno di noi- non può che avere forze limitate (dal denaro da investire ma anche e soprattutto il tempo da dedicare) e soprattutto ben diverso è l’ascolto che si riesce ad ottenere (una persona per quanto faccia rischia di parlare al vento, lo stesso discorso pronunciato per conto di una associazione che conti migliaia di aderenti ha tutto un’altro appeal).

E mettere insieme più cervelli, più modi di fare, più esperienze, più di ogni tipo non può che produrre… più di tutto.

Di certo non è facile, dal decidere di mettere insieme qualcosa che è nostro -e che sarà di molti- all’accettare modi che non sono propri – e che potrebbero essere opposti alle nostre abitudini.

Altrettanto vero però che quando non ci si arrocca diviene possibile molto di ciò che pensavamo irrealizzabile.

Gli esempi principali, da citare in attesa di essere integrati, potrebbero consistere nelle famiglie di associazioni che hanno questo scopo:

– la difesa dell’ambiente,

– la sostenibilità del costruire.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *