Massimo Meneghin ripensare le abitazioni

Sostanzialmente le abitazioni che costruiamo oggi, in perfetta analogia a quelle che otteniamo ristrutturando, non sono diverse da quelle che si realizzavano alcuni decenni addietro.

Alcune modifiche ci sono, naturalmente, ma non si possono ritenere rilevanti, in senso assoluto ed a fronte di quello che è in corso, cioè il futuro che è alle porte.

Ad esempio, negli appartamenti recenti assistiamo alla riduzione della superficie, sono sempre più piccoli, sia nell’insieme che nei singoli vani. La causa non è solo nella riduzione del numero di chi compone le nuove famiglie, (tendente a uno…) che porterebbe alla contrazione del numero dei vani e della superficie di ognuno ma anche della disponibilità economica: non ci possiamo permettere cucina e soggiorno, al massimo -ed a fatica- il pranzo-soggiorno delle dimensioni della vecchia cucina, dotato di angolo cottura! Se tale notizia vi fa venir voglia di fare una festa sappiate che non ve lo potete permettere, per mancanza di spazio…

C’è qualcosa che ha subito l’effetto contrario? Sì, le rimesse, quelli che chiamiamo garage. Le auto sono, infatti, divenute sempre più grandi, più lunghe, più larghe e più alte: se vi capita di vedere affiancate la vecchia e la nuova “cinquecento” potrete verificare come quest’ultima potrebbe forse contenere la prima…

Non è incredibile tutto ciò? Abbiamo ridotto lo spazio per noi ed aumentato quello per le scatole di lamiera!

 

autore: Massimo Meneghin

 

 

2 pensieri su “Ripensare le abitazioni

  • 9 Giugno 2014 alle 10:27
    Permalink

    #casa: volete mettere la scocciatura di avere cucina, pranzo e soggiorno con un misero soggiorno con angolo cottura?

    Rispondi
  • 9 Giugno 2014 alle 18:34
    Permalink

    sei molto attivo nel tuo blog, bravo e complimenti per l impegno!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *