credere all'incredibile

Il contrasto di termini la dice lunga. Sembra un fatto logico.

Qualcuno, memore di vecchi tedi scolastici o recenti interessi personali, per combinazione coincidenti potrebbe riaffermare il principio di non contraddizione.

Altri, per applicare quello spirito che oggi ci contraddistingue, e che più di dialogo sembra essere di contrapposizione, sempre e comunque, parlerebbero invece della dimostrazione per assurdo.

Fatto notare l’ampio uso del termine contra passiamo al concreto.

Non possiamo certo analizzare tutto, il discorso è infinitamente ampio. Naturalmente verrebbe spontaneo parlare di politica, magari analizzando la differenza tra proclami e risultati.  Già perché se ogni credo non può che essere rispettato, e difficilmente valutato, se non altro perché astratto, gli effetti delle politiche messe in atto sono invece misurabili, piaccia o non piaccia.

Al rilancio dell’economia è subentrata la contrazione sempre più spinta, alla riduzione delle tasse abbiamo sostituito l’aumento dell’imposizione diretta e indiretta, la lotta alla disoccupazione ha prodotto disoccupati, tutti i nostri sforzi volti al contenimento della spesa pubblica ne hanno comportato l’esatto contrario, del debito pubblico meglio non accennare e l’elenco -lo sappiamo tutti- non finisce certo qui.

Ma allora? Ognuno di noi non può far molto, quanto meno da solo, e le aggregazioni al giorno d’oggi sono pilotate oppure ostacolate, probabilmente le alternative, a livello personale, sono solo due, entrambe di dubbia utilità: credere all’incredibile -mentendo a noi stessi- o dichiarare l’incredibile –chiamando i bugiardi con il loro nome.

 

autore: Massimo Meneghin

 

Un pensiero su “Credere all’incredibile

  • 17 Novembre 2014 alle 08:45
    Permalink

    credere all’‪#‎incredibile‬, utile -se così si può dire…- ma spesso non semplice!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *