Massimo Meneghin spararla grossa

L’importante è esserne convinti, e sia chiaro non necessariamente della bontà dell’assunto, è più che sufficiente avere la certezza che dire certe cose sia in grado di darci un vantaggio tangibile. Spararla grossa a molti ha dato quello che non ritenevano possibile, oltre le loro più rosee aspettative.

La politica qui la fa da padrone, dal milione di posti di lavoro in giù, da una parte e dall’altra, perché -casacche diverse ma…- le cose non sono affatto diverse, la si chiami libertà, giustizia o federalismo il risultato non cambia. Visto che in realtà i proclami non sono nemmeno perseguiti, si tratta sempre e solo di sparate.

Ultimo, non in ordine di importanza ma solo di data, abbiamo perfino la data della fine del mondo. Lasciando da parte il nostro essere riusciti a vivere fino ad ora senza conoscere tale fondamentale traguardo, che fare ora che finalmente ne siamo edotti?

Le proposte sono semplici: potremmo disdire tutta una serie di abbonamenti, per risparmiare i canoni dei periodi non usufruibili, è ovvio! Analogamente tutti gli investimenti a lunga scadenza, meglio perdere qualcosa, pagando penali, che anzi potremmo procrastinare, ma anche ogni altra forma di pagamento. Il tutto per spendere a più non posso, prima che non sia più possibile…

Certo che, leggendo con attenzione  il proclama, la data tanto sbandierata non è chiaramente indicata ma solo infarcita di se, e la chiamano informazione…

 

autore: Massimo Meneghin

 

Un pensiero su “Spararla grossa

  • 30 aprile 2015 alle 17:48
    Permalink

    spararla grossa è l’unico modo per farla franca, mancano forse gli esempi?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *