Al rogito di compravendita deve obbligatoriamente essere allegata la corretta planimetria catastale.

Piaccia o meno la legge è chiara. Non è sempre stato così ma da alcuni anni è necessario, a pena della nullità dell’atto, allegare al rogito la planimetria catastale e dichiararne la perfetta conformità tra stato dei luoghi e atti in catasto. Una prima verifica può essere effettuata nel sito istituzionale del catasto.

Il motivo è chiaro e comprensibile: fotografare la situazione al momento del passaggio di proprietà. Meno come ciò comporti la possibilità di attribuire a ciascuno le giuste responsabilità. Se, infatti, dovessero emergere problematicità sullo stato ante rogito queste non possono che ricadere sui venditori così come eventuali modifiche post atto competono in tutto e per tutto sui compratori.

Per questo l’ottenere la planimetria catastale non è un semplice adempimento burocratico da  soddisfare al più basso costo possibile.  Se siamo i venditori perché farci carico del rischio di sopportare l’annullamento del rogito o essere chiamati a pagare per modifiche eseguite da altri? E se invece siamo i compratori in base a cosa possiamo farci carico di ciò che ha fatto chi ci ha trasferito “onerosamente” il bene che ora è nostro?

Generalmente non si tratta di adempimenti troppo costosi, si verificano i luoghi e la loro rappresentazione in catasto, se tutto torna tanto meglio, in caso contrario dovremo capire il motivo e metterci una pezza. I vantaggi sono quelli già detti e per i rischi vale lo stesso.

Un buon consulente, da entrambe le parti, è fondamentale, ed ovviamente non può che produrre lo stesso risultato. Non è furbo fingere, passare oltre e trascurare eventuali difformità che prima o dopo non posso che venire a galla. Cosa pensate possa accadere nel vendere fabbricati con problemi intrinsechi, anche solo catastali, più o meno noti e grandi? Alla prima occasione potremmo essere castigati, e forse non solo per rimborsare le spese dell’accatastamento che abbiamo cercato di non pagare…. Ma se siamo i compratori ed eravamo a conoscenza del problema ed abbiamo fatto finta di niente come potremo giustificarci?

Se avete bisogno di una verifica catastale, della denuncia catastale per il nuovo edificio o la variazione di quello esistente oppure solo di un consiglio potete contattate un bravo professionista, questi studierà insieme a voi la cosa migliore da fare!

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *