scegliere casa

Facile scegliere casa! Specie se le risorse sono limitate, per cui non possiamo sbagliare, e l’offerta è molta. Fatto non negativo ma che ci pone in difficoltà.

Che fare? Quale il principio discriminante che ci fa scegliere una cosa-casa piuttosto che l’altra?

La prima è sicuramente liberarsi di tutti quelli che ci vogliono consigliare, non siamo forse in gradi di sbagliare da soli? Di certo se dobbiamo commettere atrocità macroscopiche un aiuto potrebbe agevolarci. In questo caso sono consigliati quelli che hanno sempre in bocca l’incipit “al posto tuo io…” e che naturalmente al posto loro non fanno alcunché, troppo presi come sono a consigliare il meglio, peraltro gratis, a tutti. Veri e propri benefattori, la cui grandezza è incompresa.

La seconda è quella di affidarsi alla giusta miscela di razionalità e di irrazionalità.

Con quest’ultimo termine intendiamo, semplicemente, ascoltare aspetti che difficilmente riusciamo a quantificare, e razionalizzare, ma che non per questo sono privi di valore e che potremmo racchiudere nel termine “intuizione“.

Con il primo, invece, in modo assai più facile da comprendere, ciò che può comodamente essere fatto oggetto di analisi, dalla quale ricavare qualche buon principio da applicare nel caso concreto.

Ovviamente, e come sempre, è la somma dei due atteggiamenti a dare il miglior risultato. In questa sede esporremo alcuni di questi aspetti, ancora una volta senza la pretesa di esaustività ma come semplici contributi, speriamo utili, su temi di carattere generale quali:

 

autore: Massimo Meneghin

2 pensieri su “Scegliere casa

  • 8 Giugno 2014 alle 10:38
    Permalink

    #scegliere non è facile, la casa ancora meno, se non ascoltiamo i consigli non richiesti (“io al posto tuo…”)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *