Massimo Meneghin il re è nudo e crudo è realtà

Principi e proclami, molti si contrappongono, anche ai fatti. Il re nudo (e crudo) ritorna, non quando meno ce lo aspettiamo ma sempre.

E’ la vittoria degli imbonitori, di quelli che parlando ti fanno vedere quello che non c’è. Applicarlo alla politica sarebbe troppo semplice, di nessuna soddisfazione nemmeno gli ambiti sindacale, giornalistico, televisivo e giù fino al bar. Più interessante però è quello progettuale.

Le differenze non sono molte, è il solito proiettare sulle cose quello che vogliamo vedere (o che qualcuno ci fa desiderare, certo) e che non osiamo mettere in dubbio.

Per non smentire la consueta sintesi facciamo un paio di esempi.

Il primo potrebbe essere: il legno è ok sempre. Ma se con questo si fanno le stesse cose, con le stesse forme, gli stessi colori, tutto come con gli altri materiali che differenza c’è? E dove ci sono specificità? Le abbiamo viste, o meglio guardate, le capriate che portano sporti di cinquanta centimetri, veri e propri errori-orrori di ortografia? Tutto alla sola condizione di mostrare il materiale di cui sono fatte ma delle quali non c’è bisogno! Da presunto bello per definizione a brutto di fatto!
Un’altro è: l’acqua, da mostrare sempre. Ed eccoci a scoprire i canali tombati, come fossero il Canal Grande ma sono fogne a cielo aperto ed invece delle gondole ci sono roditori che spaventano i cani da guardia ma non le malattie!
Il motivo è legato al riconoscere solo l’idea del legno o dell’acqua, esattamente come è stato spiegato dai sapienti. A questo punto è fondamentale che a nessuno venga in mente di dire che, come nella famosa storiella, che il re è nudo, anzi nel nostro caso anche crudo!
autore: Massimo Meneghin
Il re nudo (e crudo) è realtà

Un pensiero su “Il re nudo (e crudo) è realtà

  • 4 Marzo 2014 alle 10:44
    Permalink

    il re è nudo e questa volta pure crudo (non parliamo di politica, ma di noi)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *