Massimo Meneghin detrazioni fiscali

I lavori nelle abitazioni possono usufrire di notevoli agevolazioni!

L’agire edilizio –costruire, ristrutturare e/o manutenere i fabbricati- necessariamente si confronta con la fiscalità, non solo per l’ovvio principio che -almeno in teoria- le norme devono essere rispettate, comprese quelle fiscali, ed ogni corrispettivo viene tassato, ma anche perché l’imposizione ha una propria complessità e non conoscerla espone al doppio rischio di pagare meno del dovuto, potendo essere chiamati a versare la differenza aumentata da sanzioni, spese e interessi, oppure di versare più del giusto senza motivo mentre tutti dovremmo, nel rispetto delle detrazioni fiscali stabilite dal legislatore, pagare correttamente.

Ogni spesa  sostenuta è, infatti, soggetta ad imposte di aliquota variabile a seconda della natura dell’opera e del tipo di lavorazione, in molti casi ridotta o esente, secondo principi che normalmente consideriamo astrusi. Vi sono pure diverse agevolazioni, in particolare per chi recupera o migliora le abitazioni, cui si può ricorrere se le operazioni vengono svolte alle condizioni previste dalla legislazione che le ha istituite, non solo l’iva ridotta ma pure le detrazioni, gli incentivi ed i contributi, motivo in più per affidarsi a consulenti preparati, i quali faranno in modo che la spesa sostenuta per il loro compenso sia di norma inferiore al risparmio ottenuto, senza considerare il non esporsi a contestazioni che possono essere davvero molto gravose, sia in termini diretti -l’esborso che prima o poi ci colpirà- che in termini indiretti – il tempo, le energie che dovranno essere dedicate, ma anche i costi, non immediatamente visibili e difficilmente computabili, che saranno sostenuti nel tentativo di addurre ragioni che quasi sicuramente non ci sono…

Al classico progetto edilizio dovrà perciò essere affiancato un vero e proprio quadro economico, che indichi e quantifichi i costi -tutti- ed il recupero fiscale -con i relativi tempi– per gestire in modo consapevole il denaro e… non finire nel sacco!

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *