Architetto, opero in proprio da più decenni nella progettazione e direzione dei lavori di costruzione, l’ampliamento, la ristrutturazione e/o la riqualificazione di edifici di varie tipologie, dall’abitazione al complesso direzionale, commerciale, industriale, sportivo e/o altro.

Gestisco l’intero processo, dalle analisi preliminari alla redazione dei progetti architettonici, dall’acquisizione dei permessi alla direzione dei lavori, compreso l’accatastamento e quanto serve per concludere l’iter costruttivo ed amministrativo, incluso il coordinamento degli specialisti e degli esecutori.

Particolare attenzione viene posta al contenimento dei consumi energetici ed allo sfruttamento delle agevolazioni fiscali fino a giungere all’abbattimento dei costi complessivi, che non sono solo quelli relativi alle opere ma devono comprendere quelli di gestione, dati dall’utilizzo dell’immobile.

Molto interessante nel periodo che viviamo è il servizio di consulenza che offro per la compravendita dei fabbricati, che non sempre sono legittimi e quindi trasferibili.

Nel sito sono quindi presenti tre sezioni, senza la pretesa di essere esaustive, per affrontare alcuni temi piuttosto importanti per molti di noi.

Innanzitutto Riqualificazione integrata degli edifici esistenti propone la lettura del testo, vero e proprio compendio di indicazioni utili a tutti coloro che devono recuerare i fabbricati non nuovissimi.

A seguire Fare & non fare, disquisizioni sui temi più vari, perchè il vero discriminantwe è proprio questo: fare o non fare? Ma anche meglio fare male o non fare proprio? E per fare diverso da dove dobbiamo ripartire

Il progetto H-ok, invece, vuole distinguere i risultati buoni, o almeno sufficienti, da qualli di valore opposto, perchè non c’è più spazio per ciò che non ha valore!

I temi sono ovviamente infiniti, quanto meno in prima battuta si vuole limiatre la cosa a tre macroargomenti:

  • l’Ecobonus o Ecomalus 2000, perchè oggi più che mai abbiamo un’occasione irripetibile per mettere mano agli edifici datati sfruttando agevolazioni clamorose;
  • le barriere architettoniche, ostacoli superabili se non eliminabili nella stragrande maggioranza dei casi, e quindi non più tollerabili!;
  • la compravendita dei fabbricati è diventato un tema spinoso, aggravato dall’eccesso di offerta cui non corrisponde una domanda adeguata e da una legislazione stringente che ci obbliga a confrontarci con un passato “pasticcione”.

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *