Spendere per risparmiare?

Le nostre attività, ora più che mai, sono comandate dagli aspetti economici. Lo slogan potrebbe essere il più a meno, in pieno stile discount. Anche quando il contesto è ben altro. Lo sanno bene i produttori che aggiungono gadget assolutamente inutili

Seguire astrattamente i principi

L’importanza dei principi (non i figli dei re ma gli assunti delle teorie che tendiamo ad applicare, o vorremmo farlo) è capitale, viceversa nessuna (o tanto poca da essere trascurabile) importanza viene data alle applicazioni degli stessi ai casi reali:

Processi e risultati

I processi messi in atto hanno dato i risultati perseguiti, pensiamo alla riduzione dell’inquinamento, degli incidenti sul lavoro e dei consumi energetici. Come ci siamo riusciti? Quale il processo che li ha generati? Potrebbero essere stati una nuova politica industriale,

Qualcosa del mio lavoro

Questa sezione è in corso di ri-articolazione in: http://architettodelweb.it, qui restano ancora queste pagine: modo e modi, rappresentazione.

Fotovoltaico per denaro

Vediamo se riusciamo a fare un polverone: l’energia prodotta dal fotovoltaico in molti casi non è conveniente. Lo è se mi devo illudere di essere bio, non lo è se lo faccio per risparmiare ma anche se analizzo in profondità,

Falsi risparmi

Il prezzo sembra essere tutto: importa poco il cosa, per nulla il come, conta solo il prezzo! E guai ad andare a vedere quali sono le differenze tra il prodotto “caro” e quello “economico“, conta solo il risparmio immediato e

riqualificazione energetica (meno consumi più salute)

Non è un fatto legato alla moda, i nostri edifici hanno nella maggior parte dei casi molti anni, sono stati perciò edificati quando gli edifici necessitavano di poca energia, che peraltro aveva costi tutto sommato limitati. Oggi non è più