Ammettere l’altro (da noi)

  Già il titolo sembra una dichiarazione di indipendenza al contrario: come possiamo, infatti, ammettere l’altro, il diverso, da noi? Se è diverso, tanto basta! O noi, o lui… In realtà le cose non stanno così, e non parliamo di pietismo